fbpx
  • Menu
  • Menu

Berlino: alla scoperta della città in 3 giorni

Nel periodo in cui ho visitato io Berlino, la città era un enorme cantiere, ma nonostante questo elemento non da poco, sono stato profondamente colpito dalla bellezza e vivibilità di questa città, che grazie ai mezzi pubblici e facilmente visitabile in 3 giorni.

Berlino è una città per tutti, dove annoiarsi è praticamente impossibile. Molta amata anche dai giovani, è una delle migliori città dove andare in Erasmus, sia per l’atmosfera vivace che si respira, sia per i tanti locali e per la vita notturna. L’unico problema è che sicuramente, dopo aver visitato Berlino in 3 giorni, sarete colti da un’irrefrenabile voglia di tornarci ancora. Tutto normale, non preoccupatevi.

Primo giorno

La porta di Bradenburgo
La porta di Brandeburgo

Arrivare dall’aeroporto di Berlino Schoenefeld al centro della città è molto semplice. Proprio all’uscita dell’aeroporto infatti si trova la fermata dei treni metropolitani. Il costo del biglietto varia a seconda delle zone ma se avete a disposizione 3 giorni vi converrà prendere il biglietto turistico valido 72 ore che vi permetterà di viaggiare in tutte le aree di Berlino coperte dalla metropolitana. Il costo è di 28,70 euro.

Se cercate un hotel a Berlino, cercatelo in posizione comoda rispetto alla metro. L’ideale sarebbe trovare  l’hotel  di fronte alla fermata Anhalter Bahnof, che è la fermata precedente rispetto alla famosa Potsdamer Platz. A pochi minuti a piedi dal quartiere Mitte e in una zona residenziale e tranquilla.

La prima tappa del vostro tour di Berlino in 3 giorni non può che essere uno dei simboli della città tedesca: la Porta di Brandeburgo. Percorrendo il suggestivo e arioso viale alberato chiamato Unter den Linden, arriverete davanti a questa imponente porta in stile neoclassico,  costruita a fine del 1700 e un tempo parte della Germania dell’Est. Bellissimo il gioco di luci che si crea attraverso le colonne della porta e set fotografico d’eccezione per la gioia dei turisti.
Memoriale per gli ebrei assassinati d’Europa: a poche centinaia di metri dalla porta di Brandeburgo sorge questo strano monumento voluto dal Bundestag nel 1999 e realizzato nel 2005 per commemorare le vittime dell’ Olocausto. Visitate il Museo antistante, l’ingresso è gratuito, eccetto l’audioguida che costa 2 € a persona.

Berlino è una sorpresa dietro l’altra, e se a una prima impressione vi sembrerà essere dispersiva e difficile da girare, poi all’improvviso vi renderete conto che invece basta farci l’abitudine e che tutte le principali attrazioni sono più o meno vicine.

La vista incredibile dalla Cupola del Reichstag. Reichstag Berlino © visitBerlin
Il palazzo del Reichstag, ovvero del parlamento, si trova infatti praticamente al lato della Porta di Brandeburgo. Dalla cupola di vetro si ha una vista superba di tutta Berlino dall’alto. Se vi va di provare quest’esperienza (fortemente consigliata) dovete però prenotare la visita alla cupola del Reichstag  con almeno due giorni di anticipo.

Da lì a piedi o se preferite in bicicletta, passeggiate lungo la Strasse des 17 Juni e vi troverete a costeggiare il verde parco Tiergarten. Si tratta del più grande parco di Berlino, un vero polmone verde della città, impreziosito da prati e laghetti che gli regalano un’atmosfera un po’ fatata. E se siete in bici, all’interno troverete anche molte piste ciclabili.

L’ultima tappa del primo giorno sarà la moderna Potsdamer Platz. Si tratta di una piazza molto ampia, in linea con i grossi spazi aperti di Berlino. A dominarla c’è il Sony Center, un grande complesso di vetro e acciaio, al cui interno ci sono negozi, uffici e tanti ristoranti. Fermatevi a cena in una delle migliori birrerie di Berlino, il Lindenbrau. Qui potrete gustare alcune tra le specialità berlinesi a base di carne: salsicce, schnitzel, stinco e per contorno pretzel, patate e crauti. Il tutto accompagnato da un’ottima birra, se preferite anche all’aroma di frutti tra cui mango e banana.
Nei pressi della Potsdamer Platz c’è il Pergamon Museum (fermata di Hackescher Markt ): è il più visitato e certamente il più imponente dei musei cittadini; deve il suo nome alla città greca di Pergamo da cui provengono i pezzi più importanti tra cui l’imponente altare ricostruito in una della sale dell’esposizione. Biglietto per visitare tutte le sale € 18 a persona.

Secondo giorno

Tavolini all'aperto, Berlino in tre giorni

Dopo un’abbondante colazione in hotel, siete pronti per affrontare il secondo giorno della vostra Berlino. Indossate delle scarpe comode e preparatevi a camminare perché andrete in giro per quello che è considerato il vero centro di Berlino: la zona del Mitte è quella che viene considerata il cuore pulsante della città.

Tra le cose da vedere a Berlino non può certamente mancare una visita alle tracce del muro di Berlino. Che sono in realtà disseminate in tutta la città, esposte come segno di un passato che non si dimentica ma che non deve più tornare. Particolarmente impressionanti sono i reperti di muro esposti accanto al Museo della topografia del Terrore, che conserva documenti del regime nazista e delle SS.

Lungo la Friedrichstrasse vi troverete ancora di fronte ad un ricordo del passato di Berlino, col Checkpoint Charlie, un posto di blocco che divideva le due Germanie e che poteva essere al tempo attraversato solo da forze armate, diplomatici e cittadini stranieri. Ve ne accorgerete perché si tratta di uno dei posti più fotografati dai turisti.

Isola dei Musei, vista su Alexander Platz
Un altro simbolo di Berlino e anche uno dei luoghi più conosciuti, se non altro almeno di nome, è Alexanderplatz, che i cittadini di Berlino chiamano semplicemente Alex. A vederla così la piazza sembra abbastanza anonima ma è comunque una delle principali della città. La piazza fu distrutta dalla guerra e poi ricostruita così come la vediamo oggi. Il suo simbolo è la Torre della televisione che grazie alla sua altezza si vede da quasi da tutti i lati di Berlino.

Chi ha letto il libro di Christiane F. ricorderà sicuramente il famoso zoo di Berlino, un’altra tappa obbligata di Berlino. E se non amate gli zoo sappiate che comunque l’area circostante è molto carina e piena di negozi per lo shopping, ristoranti e locali.

Se a fine giornata avrete ancora energia e voglia di movida, l’area attorno alla fermata della metropolitana Rosa Luxembourg è un susseguirsi di ristorantini e locali dove prendere un drink o fermarsi per cena.

Terzo giorno

Tramonto su Ponte Oberbaum

Nell’ultimo giorno del vostro soggiorno a Berlino non può mancare la visita al Castello di Charlottenburg, costruito come sede estiva della regina di Prussia è un’altra delle tappe da non perdere. Al suo interno è un museo che conserva diverse opere d’arte mentre il giardino esterno, in stile barocco, vi regalerà dei piacevoli scorci. Visitatelo in autunno, con i colori del foliage, e godrete di uno spettacolo molto romantico.

Se cercate una zona giovane e un po’ hippy e alternativa, raggiungete all’ora del tramonto la zona dell’East Side Gallery, dove resta il maggior tracciato in posizione originale del muro di Berlino. Da lì potrete guardare il tramonto seduti sui prati lungo il fiume Sprea, dove tanti giovani si siedono a rilassarsi e ammirare il sole che cala con una birra alla mano. Passeggiate lungo il bellissimo ponte Oberbaumbruke Bridge che attraversa il fiume e godetevi le luci del tramonto.

 

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: