fbpx
  • Menu
  • Menu

Ukai: l’antica arte di pesca con i cormorani

L’ Ukai è una tecnica di pesca tradizionale giapponese, che usa dei cormorani appositamente addestrati per catturare i pesci. Si tratta di una tecnica di pesca utilizzata da oltre 1.300 anni, specie sui fiumi Nagara, Hozu e Uji.

Il cormorano è un uccello di grandi dimensioni con corpo nero e un becco ad uncino. Vi è comunque un’ampia variazione in termini di dimensioni nella vasta gamma di specie. Sono stati riportati cormorani dal peso di 1,5 kg fino a 5,3 kg, ma il peso medio si aggira fra i 2,6 a 3,7 kg.

La lunghezza può variare da 70 a 102 cm e l’apertura alare da 120 a 160 cm. Ha un lungo collo a S elastico, che permette di far passare pesci grandi fino all’esofago. L’esemplare adulto si distingue dal giovane dal piumaggio marroncino. Ben adattato sia all’acqua dolce che salata, il cormorano gode di una buona vista (fino a nove metri). Le piume sono permeabili e perciò quest’uccello passa molto tempo al sole per asciugarsi le penne.

Le zampe, con grandi membrane, servono a dare una grande spinta sott’acqua. Inoltre, quando si immerge, può arrivare fino ad una profondità di 6 metri. Vola molto bene grazie alle ampie ali e alla forma affusolata, invece il decollo dall’acqua è complicato a causa della posizione eretta delle zampe e del peso dell’acqua che impregna le piume.

Nonostante dal punto di vista pratico la tecnica sia ormai sorpassata, il prestigio dei pescatori Ukai è elevato, tanto che questi hanno il patrocinio personale dell’Imperatore, e sono considerati i pescatori imperiali ufficiali. Ancora oggi questi pescatori inviano i migliori pesci all’imperatore.

 La pesca con i cormorani avviene di notte: tipicamente sono sei le barche che prendono parte alla pesca, ciascuna dotata di una lanterna a legna e soprattutto dei cormorani, legati alla barca, che si immergono alla caccia dei pesci.

Spesso agli uccelli viene messo un anello metallico alla base del collo, per impedire che ingoino i pesci che catturano, anello che alla fine della pesca viene rimosso in modo che il cormorano possa rifocillarsi. Se l’animale è ben addestrato, è possibile pescare anche senza anello.

Oggi la pesca ukai rappresenta un’attrazione turistica, e le barche dei pescatori sono accompagnate da battelli di turisti che assistono a quella che è una vera e propria cerimonia.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: